Search

Cipollini MCM All Road: ideale per esplorare nuovi percorsi

04.12.2021
3 min
Salva

Gravel in cerca di identità. Così se da un lato ci sono aziende che hanno ormai abbinato indissolubilmente queste bici di nuova concezione ai propri modelli da ciclocross, altre tentano di avvicinarle alla gamma da strada. La bici da gravel può essere veloce, infatti, a patto che abbia i requisiti tecnici che le permettano di disimpegnarsi bene nel fango e sui percorsi sconnessi.

Con l’inverno che avanza molti ciclisti e amatori stanno scegliendo di provare discipline differenti legate sempre al mondo dei pedali. Abbandonano le strade asfaltate e prendono i sentieri, anche quelli più impervi, per assaporare lo spirito dell’avventura. Questa è la stagione ideale per chi vuole scoprire strade nuove: le foglie e le temperature ancora gradevoli offrono paesaggi mozzafiato.

La MCM All Road monta il gruppo specifico per il gravel Campagnolo Ekar a 13 velocità
La MCM All Road Campagnolo Ekar a 13 velocità

Strada e sterrato, stesse misure

La Cipollini MCM All Road vi permette di affrontare la doppia disciplina mantenendo le misure del telaio stradale. Il telaio è lo stesso della MCM, il T800 con finiture da 1k. Il carro posteriore è di soli 415 millimetri così da poter montare copertoni con una sezione da 40 millimetri. La bici risulta reattiva e con un’ottima guidabilità che le consente di muoversi agilmente su tutti i percorsi.

Essendo una bici gravel ha la capacità di mantenere delle buone velocità di percorrenza e di essere allo stesso tempo comoda.

Per tutti i gusti e le esigenze

La MCM All Road è costruita con la tecnologia T2T: tube to tube. Un sistema di personalizzazione che permette di costruire la bicicletta secondo le proprie esigenze. Infatti, l’inclinazione e la lunghezza dei tubi del telaio è totalmente personalizzabile, così come i colori.

Tutte le modifiche e le personalizzazioni si possono effettuare sul sito mycipollini.com

La forcella è leggerissima, pesa solamente 380 grammi
La forcella è integrata nel tubo obliquo

Dotazioni e componenti

Il manubrio è l’ENVE G series gravel, l’attacco manubrio è, invece, nella versione road con misure: 90, 100, 110 e 120 millimetri. La sella è la Prologo Akero AGX.

I freni a disco sono flat mount, thru axle 12 X 142 mm all’anteriore, 12 X 100 mm al posteriore.

Le taglie tra cui scegliere sono numerose: dalla Xs alla Xl. Il peso del telaio è di 1.180 grammi, solo 80 in più rispetto alla versione da strada.

Cipollini

MCipollini Bond 2

MCipollini Bond 2, la bicicletta endurance dal cuore racing

04.06.2021
4 min
Salva

Negli ultimi anni siamo abituati a vedere le biciclette catalogate in diverse famiglie, infatti ci sono quelle più racing e quelle pensate per le lunghe distanze. Nella gamma MCipollini troviamo la seconda generazione del Bond, che non a caso è stato battezzato Bond 2. Questa bicicletta che è inserita fra le endurance, in realtà ha un’anima racing e si propone come un mezzo ideale per i granfondisti moderni.

Sia con i dischi che con i caliper

Per prima cosa vediamo che il telaio del Bond 2 è realizzato con la fibra di carbonio T800 alto modulo con una finitura 3K. Il marchio italiano ha voluto rendere disponibile sia la versione con i freni tradizionali che quella con i freni a disco. La prima ferma l’ago della bilancia a 990 grammi, mentre la versione con i dischi si attesta a 1.020 grammi in taglia M.

La MCipollini Bond 2 montata con lo Shimano Ultegra in versione disco
La Bond 2 con lo Shimano Ultegra in versione disco
La MCipollini Bond 2 montata con lo Shimano Ultegra in versione disco
La MCipollini Bond 2 montata con lo Shimano Ultegra in versione disco

Un vero monoscocca

Il telaio del Bond 2 è prodotto con la tecnologia TCM di MCipollini, che sta per True Carbon Monocoque. Questa tecnologia permette di realizzare il telaio in un unico stampo con tutti i vantaggi derivanti da una fibra di carbonio che rimane continua e non viene mai interrotta da incollaggi di vari tubi.
Questo tipo di lavorazione fa in modo che la bicicletta sia più reattiva e che le pressioni subite dal telaio vengano assorbite in modo più omogeneo e meno impattante. Il risultato si traduce in migliori performance e maggiore resistenza.

Comfort e prestazioni

Entrando nello specifico del Bond 2, gli ingegneri di MCipollini hanno pensato a una zona superiore del telaio, il tubo orizzontale e i foderi obliqui, più orientati alla ricerca del comfort. La parte inferiore, il tubo obliquo e i foderi bassi posteriori, sono pensati per dare maggiore reattività e fornire le prestazioni migliori.
Questo connubio ci fa tranquillamente dire che il Bond 2 è una bicicletta ideale per i gran fondisti moderni, che vogliono il comfort per affrontare le lunghe distanze e allo stesso tempo cercano le migliori performance in termini di reattività.

La MCipollini Bond 2 in colore Naked gold shiny
La MCipollini Bond 2 in colore Naked gold shiny
La MCipollini Bond 2 in colore Naked gold shiny
La MCipollini Bond 2 in colore Naked gold shiny

All’insegna dell’equilibrio

A conferma di queste caratteristiche ci sono anche le forme dei tubi. Partiamo dai foderi obliqui e orizzontali che presentano una doppia curva a S, che ha la funzione di smorzare le vibrazioni provenienti dal terreno. Allo stesso tempo il carro posteriore si presenta compatto, con una lunghezza dei foderi bassi è di 41 centimetri e con l’innesto dei foderi obliqui nel tubo verticale attraverso un monostay.
Il profilo dei tubi è equilibrato, pensato per trovare proprio il bilanciamento fra comodità e reattività, con una forcella che ha un profilo aerodinamico che aiuta a diminuire l’impatto frontale con l’aria. Il reggisella è in carbonio T800 come il telaio e ha la chiusura nascosta all’interno del tubo orizzontale per la massima pulizia estetica. Altra caratteristica del reggisella è la possibilità di optare fra due offset diversi per facilitare la migliore posizione in sella e ottimizzare così la pedalata. Per quanto riguarda il tubo sterzo troviamo dei valori che non sono troppo alti, ma che piuttosto sono più tipici di biciclette definite più corsaiole, infatti nella taglia L il tubo sterzo ha un’altezza di 15,9 centimetri.

Mario Cipollini in azienda mentre viene montato un Bond 2
Mario Cipollini in azienda mentre viene montato uno dei suoi telai

Personalizzabile su MyCipo

Infine, aspetto non meno importante, è possibile personalizzare il proprio Bond 2 con le colorazioni customizzabili su MyCipo. Anche a livello di montaggi sono offerte numerose combinazioni sia con gruppi Shimano e Campagnolo, mentre i manubri firmati da Deda Elementi. In questo modo sono accontentate le più svariate esigenze, sia in termini tecnici che economici.

mcipollini.com