Search

Il power meter Assioma sulla bici d’oro di Anna Kiesenhofer

20.08.2022
4 min
Salva

Avete mai sentito parlare di Assioma? Noi sì, già da qualche anno e per i meriti ottenuti da questi specifici misuratori di potenza prodotti da Favero Electronics: tutti italiani e caratterizzati da più di un particolare estremamente innovativo

Qualche caratteristica? Intanto la rilevazione, che avviene direttamente dal pedale. La leggerezza (appena 150 grammi). Sono installabili in pochi secondi, sono compatibili sia Bluetooth che ANT+, ed hanno un sistema di calibrazione automatica. Sono impermeabili (per davvero!), essendo il corpo pedale completamente privo di elettronica in quanto racchiusa in un blocco di resina bicomponente. Sempre in tema di compatibilità, possono essere utilizzati sia con tacchette Shimano che Look Keo. E poi la specialità della casa… Molti power meter calcolano difatti la potenza usando la velocità angolare media per rotazione, invece della reale velocità angolare instantanea. Questo aspetto potrebbe introdurre un errore addizionale fino al 4.5% rispetto all’accuratezza dichiarata.
Assioma, invece, grazie al proprio ed esclusivo sistema IAV Power, ed al giroscopio integrato, è in grado di garantire la stessa accuratezza del ±1% con qualsiasi tipo di pedalata: anche con le corone ovali…

Sul podio olimpico di Tokyo, Anna Kiesenhofer davanti a Van Vleuten e Longo Borghini
Sul podio olimpico di Tokyo, Anna Kiesenhofer davanti a Van Vleuten e Longo Borghini

Una garanzia… olimpica

Un’importante testimonianza circa la qualità e l’affidabilità del “power meter” Assioma di Favero Electonics l’abbiamo letteralmente scovata nell’interessante blog – del quale riproponiamo qualche breve passaggio – che la stessa azienda trevigiana propone attraverso il proprio spazio ufficiale sul web. Ci ha difatti molto incuriosito una intervista che lo staff del marketing e della comunicazione di Favero ha realizzato assieme ad Anna Kiesenhofer, l’atleta austriaca che alle olimpiadi di Tokyo 2020 ha vinto inaspettatamente l’oro nella prova in linea. Anna come è ben noto è una matematica, oltre ad essere una utente Assioma di lunga data. E proprio l’approccio di una matematica, sia nella carriera lavorativa quanto in quella ciclistica/agonistica, rende la Kiesenhofer un riferimento importante per poter analizzare ciascun dato e ogni singola variabile, perfezionando i più piccoli dettagli utili al raggiungimento dei propri obiettivi.

«Premetto – ha subito puntualizzato la Kiesenhofer – che si, ho usato Assioma il giorno in cui ha vinto la medaglia d’oro ai Giochi Olimpici di Tokyo 2020… Quando ho iniziato ad allenarmi con la potenza? Era il 2014, ed ero solamente una ciclista amatoriale. Il motivo per cui ho iniziato è che come matematico volevo avere dati precisi per strutturare e analizzare la mia formazione e i miei progressi. Voglio dire, se non hai numeri, come fai a vedere se stai migliorando o no?».

Eccoli i power meter che la campionessa olimpica monterà sulla sua bicicletta dorata
Eccoli i power meter che la campionessa olimpica monterà sulla sua bicicletta dorata
Perché suggeriresti di allenarti con un misuratore di potenza?

In realtà esistono più ragioni. E’ un modo oggettivo per misurare l’intensità dell’allenamento, e penso che sia anche fondamentale quando si gareggia: si evita di partire troppo forte oppure troppo… facili. Inoltre, se stai seguendo uno specifico piano di allenamento, come fai a sapere se tutto sta funzionando? È fondamentale avere i numeri.

Ti sei allenata con Assioma prima di vincere la medaglia d’oro: perché hai scelto questo specifico brand?

Avevo bisogno di qualcosa di facile da usare. Facile da installare e facile da spostare su più biciclette. Considerazioni pratiche, è vero, ma cercavo anche e soprattutto un misuratore di potenza affidabile. Avevo degli amici che lo avevano già testato e me lo hanno caldamente consigliato.

In che modo Assioma ti aiuta nella tua attività ciclistica quotidiana?

Pianifico il mio allenamento in anticipo, con i numeri, e mi pongo degli obiettivi. Poi lo analizzo alla fine della sessione. Ho centrato il bersaglio? Come mi sono sentita? Sono migliorata? Anche i numeri sono motivanti. Se hai degli obiettivi specifici in termini di numeri senti di volerli raggiungere. Il tuo corpo non è una macchina, però, se non raggiungi i numeri… va bene lo stesso. Oggi non è il giorno, ma domani potrebbe esserlo.

Favero Electronics collabora con la squadra femminile UAE team ADQ
Favero Electronics collabora con la squadra femminile UAE team ADQ
Quali sono i dati più importanti per te?

Per l’allenamento sicuramente i numeri relativi alla potenza. Mi danno subito un feedback sulla mia performance. Quando faccio sforzi duri, l’equilibrio della pedalata gioca un ruolo particolarmente importante perché così so di avere una certa asimmetria nelle gambe e cerco di compensarla.

Cosa preferisci di Assioma?

Ci sono diverse caratteristiche che mi piacciono molto, è difficile scegliere. Come detto è facile da installare e scambiare tra le bici. Per l’analisi del bilanciamento della pedalata che rappresenta un vantaggio rispetto ai misuratori di potenza tradizionali. Infine, anche il prezzo è un punto di forza.

Favero

Favero Electronics rilancia con gli Assioma Duo-Shi

02.08.2021
3 min
Salva

Si chiama Assioma Duo-Shi ed è l’ultima novità tecnica nata in casa Favero Electronics. Questa specifica versione del noto misuratore di potenza Made in Italy Assioma è stata specificamente progettata a beneficio di tutti coloro che montano pedali Shimano ed offre la possibilità di poter continuare a svolgere la propria attività in bici con i propri corpi pedale Shimano senza dover rinunciare alla preziosa affidabilità e all’indispensabile precisione tipica dei pedali Assioma.

Compatibile Shimano…

Tra le principali caratteristiche tecniche del “power meter” Assioma Duo-Shi spicca la misurazione della potenza in tempo reale, che Assioma ha curato al punto di non risultare affetta da errori dovuti a pedalate irregolari magari in contesti di sprint improvvisi oppure in frangenti in cui ad esempio si montano delle corone ovali (compatibili con pedali Assioma). E questo avviene anche perché i pedali sono in grado di rilevare l’effettiva velocità angolare istantanea della pedalata. Le misurazioni di cui abbiamo appena parlato si basano su dati reali che vengono estrapolati sia sul lato destro che su quello sinistro del pedale. Questo aspetto permette non solo di osservare ed effettivamente misurare con meticolosità la potenza totale, ma anche di registrare il bilanciamento, l’efficienza di coppia e l’uniformità della pedalata, fornendo così preziose informazioni relative alla performance generale a chi utilizza il dispositivo. Per rendere poi l’estrapolazione dei dati ancora più interessante.

Offrono una precisione e un’affidabilità veramente notevoli
Offrono una precisione e un’affidabilità veramente notevoli

Punti di riferimento

Assioma Duo-Shi dispone delle metriche avanzate IAV Cycling Dynamics: IAV Power Phase e IAV Rider Position. Queste metriche, in associazione ai dati di potenza rilevati, consentono di analizzare più precisamente la tecnica della pedalata. Ma non finisce qui, le stesse permettono inoltre di studiare come la biomeccanica del ciclista contribuisca alla propria performance.

Dati estrapolabili

Neanche le condizioni metereologiche più estreme sono in grado di impensierire il rilevatore Assioma Duo-Shi. Vi basti sapere che questi ultimi sono forniti di una speciale tecnologia – denominata Automatic Temperature Compensation – in grado di ottimizzare l’affidabilità e la coerenza delle misurazioni della potenza in un “range” di temperatura che rientri tra i 10 e i 60 gradi. Questo “lavoro” è possibile anche grazie al blocco di resina bicomponente previsto a protezione del sensore del misuratore di potenza: una protezione importante ed al tempo stesso necessaria in grado di garantire una ottimale resistenza agli urti ed una totale impermeabilità (certificato di impermeabilità IP67).

Possono essere utilizzati con pedali Shimano
Possono essere utilizzati con pedali Shimano

Batteria e sistema operativo

La batteria al litio dell’Assioma Duo-Shi è ricaricabile ed offre una durata di circa 50 ore. Ricordiamo poi che Assioma dispone delle tecnologie Bluetooth e ANT+ entrambe in grado di garantire una sicura trasmissione di dati a bike computer e smartphone, indifferentemente che siano dotati di sistema operativo Android o iOS. Il “peso” di Assioma Duo-Shi è di appena 99 grammi per lato, con la batteria inclusa. Il prezzo consigliato al pubblico è di 603,90 euro.

cycling.favero.com