Search

La Valenciana promuove McNulty, che ora vuole di più

05.02.2024
5 min
Salva

Alla fine la Volta a la Comunitat Valenciana l’ha vinta lui, Brandon McNulty, l’americano della Uae. E non è un caso, perché ci teneva a iniziare la stagione riannodandosi subito a quella passata, forse quella della svolta nella sua carriera. A 25 anni, dopo 4 stagioni alla Uae e con la tranquillità che deriva da un contratto fino al 2027, l’uomo di Phoenix si conferma adattissimo alle corse brevi a tappe, ma vuole di più.

Per capire chi sia Brandon McNulty bisogna andare un po’ indietro nel tempo e rivivere la gara olimpica di Tokyo 2021. Erano rimasti in pochi a giocarsi la medaglia d’oro, Pogacar aveva già tentato la sua carta sull’onda del trionfo al Tour, ma a un certo punto fu proprio McNulty a prendere l’iniziativa, ad agganciare lo scatenato Carapaz. L’ecuadoregno volò verso l’oro, a Brandon invece finirono le energie, ma con il carattere riuscì a conquistare un 6° posto di prestigio. Esaurendo tutte le energie, infatti alla successiva cronometro fu un comprimario.

McNulty sul podio tra Buitrago, 2° a 14″ e Vlasov, 3° a 17″. 4° l’italiano Tonelli a 20″
Il podio finale della Volta, con Vlasov suo grande rivale già nelle 3 corse in linea iberiche precedenti

L’importanza dei Giochi

«Quando tornai a casa – racconta McNulty – tutti mi fermavano, ma nessuno mi chiedeva del Tour. Tutti dicevano che avevano visto i Giochi e avevano trepidato per me. E’ lì che ho capito quanto sono importanti e per questo mi sono messo in testa di puntare alla crono di Parigi. Soprattutto dopo la prestazione dei mondiali di Glasgow, dove sono finito ai piedi del podio battendo gente molto più qualificata di me».

L’americano non è propriamente uno scalatore, anche se in salita si difende più che bene, ma nella tappa decisiva della corsa iberica, quella di sabato che portava a Alto del Miserat, ha sfruttato le sue caratteristiche principali.

«Ho visto che potevo giocarmi le mie carte – spiega – e la squadra è stata perfetta nel portarmi alle pendici della salita nella posizione migliore. Ho sfruttato la parte pianeggiante per lanciarmi verso la più dura con un buon vantaggio che poi ho gestito dal ritorno di Buitrago e Vlasov. Sapevo di avere buone gambe e volevo sfruttarle per iniziare bene l’anno».

L’americano con Van Eetveld, poi vincitore del Trofeo Serra Tramuntana su Vlasov e lo stesso McNulty
L’americano con Van Eetveld, poi vincitore del Trofeo Serra Tramuntana su Vlasov e lo stesso McNulty

Mirino sulle classiche

McNulty si conferma quindi un ottimo elemento per le brevi corse a tappe. Vincitore del Giro di Sicilia nel 2019, quand’era ancora alla Rally UCH Cycling, secondo lo scorso anno al Giro del Lussemburgo, lo statunitense alza però il suo mirino: «Io voglio fare meglio anche nelle corse più lunghe – dice – intanto fino a una settimana di durata per poi vedere se, oltre che aiutare gli altri e puntare alle tappe, posso fare uno step in più anche nei grandi Giri. Ma soprattutto voglio di più da me stesso nelle classiche, in quelle Monumento.

«Liegi e Lombardia ad esempio sono percorsi che si adattano alle mie caratteristiche, dove posso affrontare chiunque. Tuttavia per un verso o per l’altro non sono mai riuscito ad affrontarle al meglio della mia condizione e sono curioso di sapere che cosa potrei fare. Gare d’un giorno le ho vinte, ma quelle sono speciali».

A Glasgow, McNulty ha chiuso 4° a 1’27” da Evenepoel. Lì è nato il progetto della medaglia olimpica
A Glasgow, McNulty ha chiuso 4° a 1’27” da Evenepoel. Lì è nato il progetto della medaglia olimpica

Alla scoperta di se stesso

La vittoria alla Valenciana può servire all’americano per darsi quelle risposte che, come testimoniato anche a inizio stagione in una lunga intervista a Velo, deve ancora trovare.

«Mi sento ancora – dice – come se dovessi capire che tipo di ciclista sono. Ok le corse a tappe brevi, ma vedo che vado forte anche nelle cronometro e certe volte emergo nelle corse in linea. Sento però che posso fare un ulteriore salto.

«Mi accorgo che ogni anno che passa miglioro sempre meno, ma miglioro. Questa sarà la mia quinta stagione nel WorldTour, ho ancora da imparare e quindi posso fare ancora di più. L’anno scorso però è stato importante, è come se avessi fatto “clic”. Ho avuto buoni numeri e buone opportunità, poi per vincere serve anche fortuna, che tante cose combacino».

Lo sprint vittorioso dello statunitense a Bergamo, battendo Healy e Frigo. In classifica ha chiuso 29°
Lo sprint vittorioso dello statunitense a Bergamo, battendo Healy e Frigo. In classifica ha chiuso 29°

La vittoria più importante

McNulty abbiamo imparato a conoscerlo anche qua in Italia, per la vittoria a Bergamo all’ultimo Giro d’Italia: «Per me è stata la più importante della mia carriera – ricorda – la più esaltante, seguita subito dopo dalla prestazione nella cronometro di Glasgow. Quel giorno ho capito che posso giocarmela in una specialità che è davvero particolare. Certe volte penso che sia come una corsa agli armamenti. Per andar forte non basta allenarsi, esercitarsi, molto influisce il mezzo, un po’ come nella Formula 1. Serve che la bici sia al top e così le ruote, i pneumatici e così via. Per questo d’inverno si è lavorato un po’ su tutto, perché se vorrò giocarmi le mie carte a Parigi dovrà essere tutto perfetto. Soprattutto dovrò uscire dal Tour a bomba perché il Tour sarà fondamentale».

Intanto però la stagione è appena iniziata e la vittoria alla Valenciana non ha placato la sua fame: «Mi aspetta l’Uae Tour e poi la Parigi-Nizza. Vediamo di fare qualche altro passo in avanti…».

Ufficiale: SRAM nuovo partner della Bora-Hansgrohe

03.01.2024
3 min
Salva

Una notizia che era nell’aria da qualche settimana e che trova oggi la propria ufficialità: SRAM è un nuovo partner, nonché fornitore tecnico, del team tedesco Bora-Hansgrohe. Il gruppo di professionisti capitanati da Primoz Roglic gareggerà nel corso della stagione 2024 con biciclette Specialized equipaggiate con il gruppo completo SRAM RED eTap AXS. La Bora-Hansgrohe si appresta a prendere il via alla personale quattordicesima stagione tra i professionisti, dal 2017 nel gruppo dei team WorldTour, concentrandosi quest’anno in modo particolare sulle vittorie nei Grandi Giri.

Oltre la trasmissione, la squadra sarà inoltre dotata di bike computer Hammerhead, nello specifico il modello Karoo 2: un potente strumento di allenamento che certamente sarà in grado di fornire agli stessi atleti, sia in gara che durante le sessioni di “training”, un vantaggio competitivo e prestazionale decisamente rilevante.

I corridori della Bora-Hansgrohe hanno provato il nuovo gruppo nel ritiro in Spagna
I corridori della Bora-Hansgrohe hanno provato il nuovo gruppo nel ritiro in Spagna

Innovazione e motivazione

«Assieme al nostro partner OE Specialized – ha dichiarato Ken Lousberg, il CEO di SRAM – siamo estremamente entusiasti di correre e competere assieme al team Bora-Hansgrohe, una delle squadre più forti dell’intero circus del WorldTour. Non vediamo davvero l’ora di lavorare assieme a Jai Hindley, con Aleksandr Vlasov, e di continuare il nostro percorso con Primoz Roglic: uno dei migliori ciclisti di questa generazione».

«Per me in modo particolare – ha ribattuto Ralph Denk, il Team Manager della Bora-Hansgrohe – la partnership con SRAM significa un ritorno molto personale all’azienda. Negli anni novanta SRAM mi ha dato l’opportunità di muovere i primi passi della mia carriera professionale. Allora sperimentavo SRAM come un’azienda orientata all’innovazione con una forte mentalità pratica. Ora guardiamo avanti alla nostra partnership con SRAM, e dopo i nostri colloqui iniziali posso già confermare che sia la mentalità quanto quella forte motivazione di allora sono ancora integre».

Jai Hindley con la nuova divisa 2024 realizzata da Sportful
Jai Hindley con la nuova divisa 2024 realizzata da Sportful

«Sono davvero entusiasta di correre con SRAM – ha aggiunto il vincitore del Giro d’Italia 2022 Jai Hindley – ed ho già potuto testare il gruppo RED AXS nel corso dei nostri primi ritiri in Spagna rimanendone estremamente soddisfatto. In modo particolare, la possibilità di utilizzare un assetto a corona singola per alcune gare di un giorno, oppure nel corso di un Giro a tappe, potrà rivelarsi molto vantaggioso per me».

La Bora-hHansgrohe inizierà il proprio calendario gare 2024 in Australia disputando il Santos Tour Down Under.

SRAM

La Bora-Hansgrohe secondo Cesare Benedetti

03.05.2023
5 min
Salva

Lo scorso anno hanno vinto il Giro d’Italia con Jay Hindley, questa volta come andranno le cose per la Bora-Hansgrohe? Nell’ultima corsa rosa la squadra tedesca si mostrò compatta e “istrionica”. Istrionica in quanto ha riservato tattiche inaspettate, grandi attacchi e compatta perché nel momento in cui si è capito che fosse emerso un leader tutti hanno fatto quadrato intorno a lui, a cominciare da Cesare Benedetti.

E con il “polacco del Trentino” cerchiamo di fare proprio un’analisi della Bora che fu e di quella che sarà. Benedetti sembra aver recuperato bene dalla frattura della clavicola in quella folle caduta alla Sanremo poco prima della Cipressa. Al Romandia si è subito messo a disposizione del team.

«Tutto sommato – spiega “Cece” – non va male. Dopo la frattura sono riuscito a risalire in bici abbastanza presto. Al Romandia non correvo da oltre un mese».

Il team di Denz col Trofeo Senza Fine sul podio di Verona. Grande festa per la Bora
Il team di Denz col Trofeo Senza Fine sul podio di Verona. Grande festa per la Bora
Cesare, sei un totem di questo gruppo. Aiutaci a capire meglio le vostre dinamiche e il vostro gruppo. Partiamo dallo scorso anno…

Nel 2022 avevamo tre leader: Jay Hindley, Emanuel Buchmann e Wilco Kelderman, ma in realtà alla partenza non sapevamo chi potesse davvero andare bene. Tutti e tre uscivano da un periodo problematico. Wilco era caduto alla Liegi, Hindley neanche l’aveva fatta perché era stato male e Buchmann era uscito malconcio dai Baschi. Quindi siamo partiti senza certezze, ma anche senza pressioni. La cosa buona è che è arrivata presto la vittoria di Kamna che ci ha tolto lo stress da risultato e da lì tutto è stato più facile.

E quest’anno come vi approcciate al Giro?

I leader saranno due: Aleksandr Vlasov e Lennard Kamna. Entrambi hanno avuto un buon avvicinamento. Non siamo i favoriti, è chiaro, ma per me è meglio così. Gli occhi sono tutti puntati su Evenepoel e Roglic e le loro squadre sono le più attrezzate anche su carta.

Però siete i campioni uscenti, magari un po’ di pressione ce l’avrete?

Secondo me no. Andiamo al Giro con dei corridori diversi. Vlasov era al Tour l’anno scorso. E poi se la pressione non la sente lui – e lui non la sente – perché dovremmo averla noi? Forse ne avrà un po’ di più Kamna che dopo il bel Giro dell’anno scorso è chiamato a confermarsi e a vincere una tappa quantomeno.

Lennard Kamna e Aleksandr Vlasov saranno i capitani della Bora-Hansgrohe al Giro
Lennard Kamna e Aleksandr Vlasov saranno i capitani della Bora-Hansgrohe al Giro
Gasparotto ci ha detto che lui punta a fare classifica. E’ così?

Sì, è così. Ma anche in questo caso non vedo grandi motivi di pressione. E’ vero abbiamo vinto il Giro, ma confermarsi non è facile. Lo sappiamo noi, lo sa la squadra… Di Giro ce n’è uno all’anno e lo vince uno solo: non dobbiamo fasciarci la testa, tanto più con questo elenco partenti. Prendiamo ciò che viene.

Che gruppo è il vostro? Avete corso parecchio insieme?

Un gruppo abbastanza unito direi. Abbiamo fatto anche l’altura insieme, ma è anche vero che quest’anno io non ho mai corso con Aleotti, per esempio. A turno ho corso con tutti. Ma in generale è un gruppo piacevole. C’è una bella atmosfera. In corsa ci supportiamo ed è anche divertente stare a cena insieme.

Chi è il più guascone?

Beh Vlasov è abbastanza silenzioso, ma ride anche lui. Forse Anton Palzer. Lui è quello più goliardico, ma come ripeto a cena scherziamo tutti!

Invece il road capitain? Sei tu il Puccio della situazione immaginiamo… Sei il più esperto.

Diciamo che i capitani in corsa siamo Bob Jungles ed io. Io più per le tappe di pianura e quelle più calme. Bob per quelle più dure, quando ci sarà salita. Anche se è appena arrivato, lui è uomo di esperienza e si è guadagnato la fiducia dei compagni e dei direttori sportivi. Senza contare che è un corridore in grado di fare ottimi risultati.

Benedetti e Jungels (in secondo piano) saranno i capitani in corsa della Bora-Hansgrohe
Benedetti e Jungels (in secondo piano) saranno i capitani in corsa della Bora-Hansgrohe
C’è qualche tappa che vi preoccupa di più?

Tutti insieme il percorso non lo abbiamo visto nel dettaglio, ma a dicembre, in ritiro, ci siamo fatti una carrellata delle tappe. Che dire: per certi aspetti le tappe di montagna sono più facili da controllare, sai che la corsa è quella. Mentre bisogna stare attenti a quelle intermedie: qualche imprevisto può esserci. Basta ricordare quel che facemmo noi stessi a Torino l’anno scorso. Sì, sai che è una tappa dura, ma non ti aspetti nulla di eclatante e invece…

C’è tanta crono: questo vi “spaventa”?

Non penso sia un problema. Sia Alex che Kamna vanno forte contro il tempo. Lennard è stato anche iridato juniores. In più entrambi hanno lavorato tanto sulla posizione e sui materiali.

Il podio è un obiettivo concreto dunque?

A me piace volare basso, così se poi viene qualcosa di più tanto meglio. E allora dico che una top 5 è alla nostra portata. 

Più Vlasov o Kamna?

Alex ha più esperienza. E’ già arrivato quarto in un Giro e quinto in un Tour e sa cosa aspettarsi. Mentre per Lennard il grande Giro per fare classifica è un’incognita. E’ vero che lo scorso anno anche nel finale andava forte, ma un conto è mollare in qualche tappa, anche mentalmente, un altro è stare attenti e al massimo tutti i giorni.

Vlasov, il podio nei grandi Giri adesso è maturo

11.03.2023
5 min
Salva

Occhi azzurri che rivelano serenità, gambe scolpite che dicono di chilometri e chilometri messi nel sacco, Aleksandr Vlasov è chiamato alla sfida forse più grande della sua carriera sin qui.

Il russo della Bora-Hansgrohe, che purtroppo corre senza bandiera, sta disputando un buono inizio di stagione, quinto alla Valenciana, e una buona Tirreno-Adriatico: nono a Tortoreto, sesto ieri a Sassotetto.

E anche oggi, ad Osimo, ha provato persino a conquistare la Corsa dei Due Mari animando la giostra degli attacchi finali (foto di apertura). Ma alla fine si è dovuto arrendere alle trenate di Van Aert, Formolo, della Ineos-Grendiers e allo strapotere di Roglic.

Più esercizi

Al prossimo Giro d’Italia, Aleksandr partirà con i gradi di capitano. E stavolta puntare al podio in una corsa di tre settimane è più legittimo che mai.

«La preparazione – racconta Vlasov – procede abbastanza bene. Sono tranquillo e sereno sotto questo punto di vista. In questa Tirreno non sono in gran forma, e questo è buono visto come è andata, ma l’obiettivo vero è il Giro e spero di arrivarci “giusto, giusto” a maggio.

«Da parte mia mi sto allenando bene. I lavori e i chilometri sono più o meno sempre quelli, ma ho dedicato molta più attenzione agli esercizi senza bici per migliorare la posizione. Adesso conta ogni minimo dettaglio. Il ciclismo è sempre più veloce e per questo cerco di curare piccoli dettagli che negli anni passati trascuravo».

Vlasov vive a Monaco e lì i corridori proprio non mancano. Racconta che spesso esce in compagnia e che ama fare le distanze, ma solo quando c’è bel tempo.

«Quasi sempre vado sul Col de la Madone, la salita più famosa della zona, e anche sul Col de Turbie perché sono vicine e ideali per fare i lavori. Ma quando non ho degli specifici da fare mi piace creare dei percorsi diversi. Percorsi che non posso fare tutti i giorni». 

Podio rosa

Come dicevamo Vlasov sarà il leader della Bora-Hansgrohe. Bora che tra l’altro è la squadra con il vincitore uscente, Jay Hindley, e per questo Vlasov in quanto capitano potrebbe partire con il numero uno.

Aleksandr va per i 27 anni, inizia ad essere maturo, e avrà l’occasione di essere il capitano unico, in una grande squadra e con più esperienza. 

«Non è però la prima volta che faccio il capitano – ci tiene a precisare Vlasov – quindi non fa poi così effetto. Sono consapevole di essere in una squadra importante, una squadra che crede in me e di certo io farò di tutto per cogliere il miglior risultato possibile. Il podio è un obiettivo.

«Sarebbe bello partire con il numero uno – ride – però non l’ho vinto io l’anno scorso. Alla fine è solo un numero».

Non è la prima volta che ricopre il ruolo da leader, è vero, però è diverso che essere il co-leader. Il giovane che può fare bene, ma che tutto sommato corre sotto il parafulmine di un capitano più accreditato. E’ chiaro che cambia anche la pressione.

«Sì, forse è così, ma non credo che ci sarà più attenzione su di me da parte della altre squadre. Mentre so cosa vuole da me il mio team. Alla fine poi le cose sono semplici: decidono le gambe».

Il russo non è uno specialista delle crono, ma da quando è in Bora è migliorato moltissimo, tanto da vincere la crono all’ultimo Romandia
Il russo non è uno specialista delle crono, ma da quando è in Bora è migliorato moltissimo, tanto da vincere la crono all’ultimo Romandia

Ricognizioni post Tirreno

Al Giro d’Italia, Vlasov sarà guidato in ammiraglia da Enrico Gasparotto. Il diesse friulano già lo scorso anno andò a visionare le tappe più insidiose e la stessa cosa ha fatto quest’anno… proprio nella sua terra. In autunno era andato sul Lussari. In casa Bora-Hansgroghe dopo l’addio a Sagan hanno voltato pagina e hanno dichiarato senza mezzi termini di puntare sui grandi Giri. 

Una mentalità che si ripercuote a 360° su staff e corridori. E non solo nel modo di correre o nella scelta degli atleti. Basta pensare alla crono, a quanto ci ha lavorato Vlasov da quando è in Bora-Hansgrohe, a quanto sia migliorato e a quante attenzioni dedichi a questa disciplina che nel prossimo Giro d’Italia avrà un bel peso.

«Qualcosa – dice Vlasov – conosco del percorso del prossimo Giro, anche grazie alle corse fatte in passato in Italia. Ma dopo la Tirreno andrò a vedere un paio di tappe, qui nella zona. Credo quella di Cesena (la crono, ndr) e qualche altro tratto non lontano da qui (probabilmente la frazione di Fossombrone, ndr)».

L’ultima “grande” di Vlasov in maglia Astana, poi sarà Bora

14.08.2021
4 min
Salva

«Fa un grande caldo anche qui – dice Vlasov, fresco di firma con la Bora-Hansgrohe – io invece sono abbastanza fresco. Dopo il Giro ho riposato parecchio. Poi sono andato a Livigno. Le Olimpiadi sono state la prima corsa dopo i campionati nazionali, quindi sapevo che sarebbe stato un giorno duro. Peccato solo essere caduto nella prima tappa della Vuelta a Burgos, perché ancora mi fa un po’ male. La Vuelta è molto dura, per questo la vivrò tappa per tappa».

Destinazione Bora

La corsa spagnola che inizia oggi con la crono di Burgos sarà l’ultimo grande Giro di Alksandr Vlasov con la maglia dell’Astana. Sulla partenza del russo si erano addensate voci già nel 2020, quando aveva cambiato inaspettatamente procuratore e sembrava lanciatissimo verso il Team Ineos Grenadiers. Ma il mercato cambia ed essendosi liberata dell’ingaggio di Sagan, la Bora-Hansgrohe ha trovato gli argomenti giusti per convincerlo.

Futuro al Tour

«Aleksandr è sicuramente uno dei più grandi talenti per quanto riguarda le corse a tappe – ha detto Ralf Denk, manager del team tedesco – e siamo molto contenti che abbia deciso di unirsi a noi, nonostante ci fosse l’interessamento di altre squadre. Con lui punteremo sicuramente sui Grandi Giri. A medio termine l’obiettivo è il Tour de France, ma deve ancora imparare e crescere, così che potrebbe essere più facile al Giro o alla Vuelta».

Nessuna paura

Facile è un aggettivo che si fa fatica a declinare accanto ai grandi Giri, ma comprendiamo il senso dell’affermazione del manager tedesco, nella cui… casa stanno crescendo Fabbro e Aleotti che immancabilmente saranno coinvolti al fianco del russo in arrivo.

«Avevo avuto qualche proposta – dice Vlasov – e visto che si parla di lavoro, ho trovato interessante fare nuove esperienze. Il fatto che sia andato via il gruppo di Sagan fa sì che la squadra voglia spostarsi sui Giri e questo per me è importante. Prima di firmare, abbiamo anche parlato con l’Astana, poi si è presa la decisione. Non mi fa paura, anzi è uno stimolo grande. Ho parlato con lo staff dei preparatori, anche se non so ancora chi mi seguirà direttamente».

Aleksandr Vlasov è nato a Vyborg, la stessa città di Eugeni Berzin, il 23 aprile del 1996. E’ pro’ dal 2018
Aleksandr Vlasov è nato a Vyborg, la stessa città di Eugeni Berzin, il 23 aprile del 1996. E’ pro’ dal 2018

Mostro alla 18ª tappa

Ora basta, però, parliamo della Vuelta. Anche perché è Vlasov il primo a non voler parlare troppo del 2022, avendo ancora in basso sfide così grandi nel presente.

«La Vuelta – dice – è molto dura, con una serie di tappe impegnative, fra cui metto l’arrivo in salita del terzo giorno che può far male proprio a causa della caduta di Burgos. Poi di sicuro la 18ª tappa, con questo Atu d’el Gamoniteiru di cui parlano tutti con terrore. E poi la crono dell’ultimo giorno di quasi 34 chilometri, non proprio piatti e secondo me decisivi. Credo di avere un grande gruppo, con quasi tutti spagnoli, tranne Natarov e me. Per la salita ci sono gli Izagirre e Oscar Rodriguez. Per la pianura “Luisle” Sanchez e Fraile, credo che ce la possiamo giocare».

Fino al Lombardia

E proprio mentre si dice che una bella fetta del blocco spagnolo del team kazako starebbe per spostarsi verso la Movistar, le suggestioni nel calendario di Vlasov non si fermano alla Vuelta.

«Preferisco fare un passo per volta – ammette – la federazione mi ha chiesto di partecipare ai mondiali, anche se non hanno un percorso troppo adatto a me. E poi arriverò sino al Lombardia, passando prima per la Tre Valli Varesine e altre classiche come il Giro dell’Emilia (conquistato nel 2020, ndr). Per il resto almeno per quest’anno, farò la solita vita e credo che per ora terrò la residenza ad Andorra. Poi per il futuro vedremo».

Al Lombardia di agosto nel 2020, Vlasov decisivo per la vittoria di Fuglsang
Al Lombardia di agosto nel 2020, Vlasov decisivo per la vittoria di Fuglsang

Primi della classe

Alla Vuelta per migliorare il piazzamento del Giro? A Milano chiuse al quarto posto, dopo essere stato secondo fino al giorno dello Zoncolan. Le salite di grande pendenza sono bocconi da addentare con attenzione. Lo scorso anno arrivò secondo sull’Angliru, preceduto da Hugh Carthy per appena 16 secondi. Sullo Zoncolan, facendo corsa di testa, ha perso 1’01” da Simon Yates che gli ha soffiato il secondo posto nella generale. Due diversi approcci con la montagna, con l’auspicio suo e del team che anche questa volta possa e debba correre accanto o nei dintorni dei primi della classe.

Il Giro di Vlasov tra alti e bassi: il punto con Martinelli

15.06.2021
5 min
Salva

Siamo nel pieno della stagione, ma il Giro d’Italia propone ancora qualcosa, o qualcuno, su cui riflettere. Anche in chiave futura. E un discorso lasciato in sospeso risponde al nome di Aleksandr Vlasov, il russo dell’Astana-Premiertech che ha conquistato la “medaglia di legno” a Milano.

Ne parliamo con il suo mentore, diesse e forse papà ciclistico: Giuseppe Martinelli che lo dirige ormai da tre stagioni.

Giuseppe Martinelli (classe 1955) è il diesse dell’Astana-PremierTech
Giuseppe Martinelli (classe 1955) è il diesse dell’Astana-PremierTech
“Martino” buondì: Vlasov. Che ragazzo troviamo al termine di questo Giro rispetto a quello che avevamo lasciato anzitempo l’anno scorso ad Agrigento?

L’anno scorso fu particolare per tutti. Il Giro in autunno è stata una difficoltà. Alex aveva una buona condizione: era uscito molto bene dal Lombardia e aveva vinto il Giro dell’Emilia. Era stato portato al Giro per essere la spalla di Fuglsang e imparare qualcosa per se stesso pensando a quest’anno. Poi le cose sono andate male già prima del via.

Prima del via…

Sì, la verità è che lui stava male già prima del prologo. Problemi intestinali, mal di testa… Sapete tutti che io mi sono anche arrabbiato con lui del suo ritiro, ma come ho già detto in passato, bisognava anche contestualizzare il periodo. Eravamo in pieno Covid. C’era paura che potesse creare danni al resto della squadra. Quest’anno invece aveva iniziato bene con il secondo posto alla Parigi-Nizza ed era arrivato al Giro con una condizione più “importante” grazie al terzo posto al Tour of the Alps. Ero ed era convinto di poter fare bene. Era una scommessa e quel che ha fatto è stato tanto.

Vlasov, lo ricordiamo ha chiuso il Giro al quarto posto…

Non nego che ho accarezzato più di qualche volta la speranza di salire sul podio, però sono anche conscio di aver fatto tutto il possibile.

Aleksandr Vlasov con Bernal nella tappa di Montalcino
Aleksandr Vlasov con Bernal nella tappa di Montalcino
Quando hai avuto questa speranza del podio?

Dopo Montalcino. Vlasov è uscito bene dagli sterrati e iniziavano le tappe più adatte a lui. Se guardo chi ha vinto, Bernal, era il più forte. Caruso e Yates anche sono stati forti. Per certi aspetti il quarto posto mi stretto, ma questa è stata anche la realtà dei fatti. Se proprio è mancato qualcosa è stata la vittoria di tappa.

Più di qualche volta voi avete tirato per ottenerla…

Soprattutto nel giorno dello Zoncolan. L’anno scorso alla Vuelta, Aleksandr è arrivato secondo sull’Angliru e pensavamo che su salite con quelle pendenze fosse competitivo. Non ci siamo riusciti, ma non abbiamo nulla da recriminare. Abbiamo provato a fare la corsa e lui meritava di provarci.

Se tornassi indietro quindi non cambieresti nulla?

No, nulla. Non dico che non abbiamo sbagliato niente, ma alla fine c’è chi è andato più forte. Noi siamo arrivati quarti e per di più con una squadra di primo pelo. Battistella, Tejada e Pronskiy erano al primo grande Giro. Sobrero ne ha fatto uno ma è comunque giovanissimo. Poi gli esperti, Felline, Boaro, Gorka Izaguirre e Sanchez sono stati bravissimi. Ma tutti, e dico tutti, hanno svolto un lavoro eccezionale.

Il Giro di Vlasov ha vissuto di alti e bassi
Il Giro di Vlasov ha vissuto di alti e bassi
A proposito di giovani, che fine ha fatto Andrea Piccolo?

Ha avuto dei problemi di salute che lo hanno tenuto lontano dalle gare. Adesso sta finendo di risolverli e presto lo vedremo in corsa.

Torniamo a Vlasov: da lui invece ti aspettavi qualcosa di più?

Faccio fatica a dirlo. Ha avuto degli alti e bassi, ma non è crollato. Anche nel giorno per lui più duro, quello del Giau, ha avuto una scusante incredibile: gli è finita la mantellina nella ruota posteriore. Si è dovuto fermare. Analizzando i dati Gpx alla sera abbiamo visto che ha perso 40”. E perdere quel tempo ai piedi del Giau in pratica lo ha fatto inseguire per tutta la salita. Uno sforzo esagerato nel pieno della bagarre.

Il russo come ne esce?

Sa di essere forte e che davanti a sé ha un bel futuro. Credo che adesso sappia di poter competere con i migliori. Semmai bisognerà vedere se resterà con noi, visto che è in scadenza di contratto. Alcune voci lo danno in uscita. Anche se lui volesse rimanere e noi vorremmo tenerlo, ci sono squadre che hanno potenzialità economiche maggiori delle nostre.

Il russo ha finito la corsa rosa in crescendo con un’ottima crono (settimo)
Il russo ha finito la corsa rosa in crescendo con un’ottima crono (settimo)
E tu Martino sei soddisfatto del suo Giro?

Abbastanza. Anche nella crono finale è andato molto forte. Ma ripeto, con tutto quello che è successo, per come è andata la corsa, quello è il suo posto. I valori in campo erano quelli. Mi sono rivisto le classifiche a fine Giro. Se Alex fosse crollato sarebbe arrivato ottavo, così come coloro che erano dal quinto al settimo posto potevano arrivare quarti. Nessuno poteva togliere dal podio quei tre. Bernal, anche se ha avuto dei momenti difficili, aveva un super squadra. Caruso è stato regolare. Yates ha vinto una tappa e comunque ha sempre combattuto. E anzi, Martinez se non avesse fatto il gregario puro di Bernal sarebbe potuto finire sul podio.

Hai ricordato dello Zoncolan e del lavoro fatto dalla tua Astana: la sera Vlasov era abbacchiato? Si è “scusato” con i compagni per il tanto lavoro fatto e il bottino scarso raccolto?

Più che abbattuto era certo di aver dato il massimo. Ma io sono abituato a lavorare molto, a prendere in mano la corsa, e a non raccogliere altrettanto. Se poi il risultato viene siamo tutti più contenti, è chiaro. La sera mi ha detto: cavoli, andava tutto bene fino a 5 chilometri dall’arrivo, poi quando hanno accelerato ero vuoto. Cosa volete che vi dica, magari ha pagato il fatto di stare tutto il giorno davanti, di avere la pressione addosso… ma non è né il primo, né l’ultimo a cui è successo tutto ciò.

Beh, si cresce anche con questi passaggi, no?

E’ quello che gli ho detto io. Non devi pensare sarebbe stato meglio fare “così o cosà”. Fai la tua corsa e poi puoi raccogliere, 50, 80 o 100.