Search

KTM X-Strada Elite, tutto quello che serve per il gravel

21.09.2022
4 min
Salva

KTM X-Strada nella versione Elite è una bicicletta in grado di coprire le tante esigenze del gravelista, sia esso agonista o viaggiatore. E poi c’è quel rapporto tra la qualità ed il prezzo, che è davvero eccellente. Il listino recita 3.399 euro.

La nuova piattaforma X-Strada è stata lanciata alla fine del 2021, un progetto interessante in grado di coprire il gravel race, il bikepacking e che trova impiego anche nell’ambito del ciclocross. Entriamo nel dettaglio della versione Elite.

Una colorazione azzeccata
Una colorazione azzecca

Tanta sostanza prima di tutto

E’ una delle peculiarità delle biciclette KTM di tutte le categorie e livelli, ovvero un cuore sostanzioso che si basa sul carbonio Premium, allestimenti efficienti e anche le geometrie che non sono mai estremizzate.

L’allestimento Elite della X-Strada ne è un chiaro esempio e collima con la versatilità di una piattaforma che ha il compito di coprire diverse interpretazioni.

E’ una bici che non disdegna l’agonismo e quel gravel race di cui tanto si parla ultimamente. Eppure le sue predisposizioni si configurano con il viaggio; quindi portapacchi, borse e parafanghi. Anche per questo la geometria della KTM X-Strada, a prescindere dalla taglia, è una sorta di endurance, capace di sfruttare il giusto compromesso tra un allungamento ottimale in senso orizzontale e una posizione più eretta.

Come è montata

Si parte da un frame-kit con telaio monoscocca in carbonio Premium. La matrice è uguale a quella usata per le bici da strada, ma con delle applicazioni diverse, ovviamente rivolte al segmento gravel. Anche la forcella (F14) è full carbon, ma utilizza il modulo Performance, meno sofisticato rispetto al precedente e parecchio sostanzioso. Al primo impatto sembra una forcella aero e mutua una parte del suo design da quella impiegata sulle road Lisse e Revelator Alto (versione più anziana).

Avantreno e retrotreno hanno un’ampia luce di passaggio per gli pneumatici. Utile nei termini tecnici e bella da vedere tutta la zona dello sterzo, con le guaine che si nascondono al suo interno passando dall’anello di battuta.

Trasmissione meccanica

La trasmissione è meccanica, ricordando che c’è una completa compatibilità con i cambi elettromeccanici e si può montare anche il doppio plateau anteriore. La versione fotografata a Misano è aggressiva ed è quella 2023. C’è lo Shimano GRX con mono davanti e 11 rapporti dietro, ma con il bilanciere lungo che permette di montare pignoni normalmente usati nella mtb.

C’è il comparto manubrio in alluminio KTM e ci sono le ruote Mavic del segmento all-road (gommate Continental), anche queste con cerchio in lega e specifiche per il gravel. La sella è di Selle San Marco.

Anche questa versione è compatibile con eventuali dropper-post da 27,2 di diametro, soluzione utilizzata dai Samparisi sulla “vecchia”.

KTM Bikes